.
Annunci online

cafehafa
chello ca me veco attuorno...chiacchiere, riflessioni e trasformazioni!
DIARI
13 giugno 2007
universi paralleli...


Indescrivibile quello che sto provando….troppo complicato da spiegare e farvi capire.

Così rimettendo in ordine ho trovato questa lettera, era il lontano ottobre del 1998…

È la vita che esplode e fa a pezzi legami saldi come l’acciaio, è l’impeto della ricerca e della totale consapevolezza a trascinarmi in azioni degne del più feroce assassino, è reazione alla sordità dominante che non si pone domande ed esclude dal suo dominio chi non vuole smettere di addentare le emozioni, quello che non smetterò mai di chiamare sale della vita.

Hai mai provato a mettere in bocca una manciata di sale? È una sensazione orribile e lacerante. Così è la vita, ma con che coraggio ce ne si può privare? Privarsene ignorandolo, non combattendolo, non soggiogandolo. E vuoi sapere cosa penso? Non si può soggiogarlo, non si può dominare la vita e il suo sale. Questo fa paura come tutto ciò che non si conosce e non si riesce a spiegare. Ma senza di esso anche i sogni e le più grandi passioni non sono che surrogati di loro stessi. Senza il dolore assoluto non può esserci il piacere assoluto. E in fin dei conti è meglio un mondo di male che un mondo di nulla. Nulla è quello che ci viene proposto, vuote sono le sensazioni che ci impongono, inesistente è il bene di cui vanno blaterando. Forti, corposi, tangibili e decisivi sono i sogni di cui mi canti. I sogni non fanno parte della vita, sono la vita.

Scribacchino di fine millennio


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sale varie diario lettera universi paralleli

permalink | inviato da cafehafa il 13/6/2007 alle 2:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

CAFE HAFA
Inerpicata su una scogliera, a portata di mano la Spagna, è lì  e sembra di poterla toccare. Soprattutto nelle giornate limpide e nelle notti serene…forse è  un’altra vita quella in cui sorseggiando il mio tè verde ero piena del bianco delle case e dell’azzurro del mare, dell’odore dei vicini eucalipti e della voce del muezzin…in un tempo sospeso tra mare e terra!
Vi incontrerò qui, tra le vie tortuose, i vicoli colorati, negli scorci improvvisi di questa terra di contaminazioni, allevando pensieri…..